Cerca nel blog

martedì 24 maggio 2011

brianza grand prix by night

Emozione, sudore e adrenalina hanno avvolto la sera del 21 maggio che ha visto svolgersi la prima edizione del "Brianza Grand Prix", gara podistica di 22km corsa in notturna, a coppie e a cronometro.

125 coppie presenti, boom di iscrizioni che ha visto gli organizzatori aumentare il numero delle coppie dai previsti 100 all'inizio delle iscrizioni.
La partenza davanti alla villa comunale di Verderio Inferiore con arrivo al centro sportivo di Paderno d'Adda, attraversando corti e centri di vari paesi limitrofi, salite ripide e sfiancanti, boschi e poco prima del finale costeggiando l'alzaia dell' adda per risalire da una delle salite più infami che un podista si possa aspettare.
Partecipo con l'amico Carlo, partiamo con il pettorale 122, quart'ultimi, alle 21:00:30, poco prima di noi le due squadre favorite con noi, partiamo subito forte, anche troppo, ma le gambe girano, i km passano, lasciamo Verderio Superiore, Paderno e Robbiate per entrare in Merate da una salitella non poco impegnativa, nella discesa dell'oratorio mi blocco, una fitta addominale fortissima, non riesco più a correre, tento di fermarmi, ma è peggio, il dolore fortissimo, penso anche di ritirarmi, Carlo mi incita a provarci e ripartiamo, perdiamo almeno 30/40 secondi mannaggia, siamo in centro Merate, come se nulla fosse successo riparto di gran carriera, tanto che anche Carlo fatica a starmi dietro, salita che ci porta al cimitero e ingresso nel primo bosco, abbiamo la luce frontale, ma è come non averla, non si vede praticamente nulla, si sente solo il respiro degli altri che via via raggiungiamo, usciamo dal bosco, ancora un paio di km e poi si rientra nell'altro bosco, quello più bello, quello che è ancora più buio, ma non mi fa paura, anzi lo affronto con molta sicurezza, si sente il rumore del fiume Adda, che sembra li vicino, ma non si vede, in effetti è sotto di 200 metri.... meno male che non si vedeva per chi non conosceva la zona, usciamo dal bosco, siamo li ancora a lottare per la vittoria, qualche km ancora e poi la lunga e ripida discesa in ciotolato che ci porta all'adda, una discesa che mi ha sempre fatto paura per la sua difficoltà, ma stasera siamo in gara, l'adrenalina ti nasconde la paura, ti fa scendere a picco, una delle squadre rivali è li, 20 metri davanti, loro vanno giù forte, noi altrattanto, non guardo tempi e ritmi, bisogna solo andare forte, lungo l'alzaia, il passaggio sotto il ponte di ferro è da brivido, nel buio totale della notte, ma siamo al punto cruciale, la famosa salita del ristorante " toscano", 500 metri di cui gli ultimi 150 al 18%, e dopo 21 km di saliscendi, la affrontiamo decisa, sono li a curare i rivali, Carlo accusa il colpo e si stacca, colpito da un dolore al fegato, in cima lo aspetto, entriamo al centro sportivo, giro di pista ed è finita, 1.24.43... un tempo eccellente, terzi, sul podio, un pò di rammarico ci resta, la mia sosta e il suo problema, ma alla fine siamo contenti, una bellissima serata.
Per concludere, una nota sull'organizzazione, prima edizione, uscita splendidamente bene, percorso presidiato benissimo, attraversamenti di strade senza problemi, navette per la partenza ottime, deposito borse, spogliatoi, ristori ,premiazioni......etc etc..... insomma una serata perfetta.
Ed ora, ci siamo, tra 4 giorni correrò il mitico "Passatore", 100 km da Firenze a Faenza, la pazzia si sta avverando, seguitemi, avrò bisogno di tutti voi!!!!!

ciao
Diabolik

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali