Cerca nel blog

martedì 16 febbraio 2010

Giunti a questo punto, non so se...............

i cross servano veramente a qualcosa per i maratoneti.
Sabato ho corso la quarta prova del Campionato Brianzolo a Seveso, ma, oltre ad essermi infortunato al bicipite femorale, io di vantaggi di potenza aerobica, muscolare, o quant'altro non ne sento proprio, anzi mi sembra di andare addirittura sempre più lento.

Sarò anche prevenuto, perchè i cross non mi piacciono, correre per i prati sconnessi mi rende nervoso, non amo particolarmente la natura, quindi sarà anche quello, amo la strada ,il cemento, l'asfalto, preferisco correre in mezzo alle macchine ma sull'asfalto piuttosto che in un bosco.

Pensate che avendo avuto i sentieri dell 'Adda a disposizione per anni, in 15 anni di allenamenti mi sarò allenato solo 5 volte, poi sempre sulla strada, la vera "pista" del podista, secondo me.
Sabato, forse corro a Monza, ma solo per la classifica, sono sesto, ho perso una posizione, non potendo spingere a dovere a Seveso, lo so che mi contraddico, non dovrei correre, ma alla fine la competizione viene fuori e mi farò trascinare sulla linea di partenza, ma sicuramente e qui non mi smentirò, sabato sarà l' ultimo cross che correrò nella mia carriera. Basta.
Questa settimana non mi allenerò, devo far riposare il bicipite, domenica correrò la mezza di Verona, dove farò un buon allenamento di 21km di corsa lenta, e poi......si vedrà come la gamba reagisce.
Buone corse a tutti,

Diabolik

(nella foto in alto il passaggio al primo giro, nella foto in basso la preoccupazione dell' infortunio)

3 commenti:

  1. io ho iniziato coi trail per trovare nuovi stimoli, ma fisicamente sono stati deleteri... e non ti dico le campestri! stesso problema al bic.fem e Dom sono anch'io a VR per la mezza... °° mah!
    a prop, sai nulla dei blogpoint? http://tinyurl.com/yjfx9h8

    RispondiElimina
  2. caspita, c'è il mondo domenica a Verona! io però non ci sarò pazienza. Certo che certi tipi di percosi o uno ce li ha nella testa, perchè gli piacciono, oppure è meglio evitare.

    RispondiElimina
  3. dire di no a volte è difficile, ma non si può far felici tutti... d'ora in poi fai le gare che più ti si addicono, su strada, e lascia perdere chi ti tira da una parte e chi dall'altra per avere i tuoi punti... anche se ovviamente un po' mi dispiace... LW

    RispondiElimina

Visualizzazioni totali